In attesa dei Premi Oscar

Attualità Cultura Intrattenimento

Per tutti i cinefili sì avvicina una data da non perdere: quella dedicata agli Oscar, che quest’anno sarà il 28 marzo.

Ripercorriamo insieme alcuni dei momenti più rappresentativi della cinematografia, che hanno lasciato un’impronta indelebile in una delle notti più significative di tutti i tempi.

Il Premio Oscar, Academy Award, altro non è, se non il premio cinematografico più prestigioso e antico al mondo, istituito nel 1929. La statuetta è placcata in oro 24 carati, è alta 34 centimetri e pesa 4 kilogrammi. La premiazione riguarda diciassette settori cinematografici, tra cui Miglior film, Miglior regista, Miglior attore protagonista e non, Miglior attrice protagonista e non, Miglior sceneggiatura originale e non, Miglior scenografia, Miglior Fotografia.

Uno dei momenti più memorabili della storia della cerimonia è avvenuto nel 1973, durante la premiazione di Marlon Brando per il film “il Padrino”. L’attore non si presentò alla cerimonia in segno di protesta contro le ingiustizie da parte di Hollywood nei confronti dei nativi americani, pertanto la statuetta fu ritirata da Sacheen Littlefeather, attivista, nata da padre nativo americano.

L’attrice Katherine Hepburn, che può vantarsi di aver ricevuto 4 Oscar, non si presentò mai a ritirare i premi, l’unica apparizione fu nel 1974, accolta, da parte del pubblico, con una standing ovation.

Indimenticabile anche il bacio tra Adrien Brody e Halle Berry. L’attore nel 2003 vinse l’Oscar per la sua interpretazione nel film “Il pianista” e, durante il ritiro, diede un bacio sulle labbra alla premio Oscar, Halle Berry, diventato da quel momento un simbolo dell’evento.

Un altro momento iconico fu nel 1999, quando Roberto Benigni vinse l’Oscar per il miglio attore per “La vita è bella” e ritirò la statuetta per “Miglior film in lingua straniera”. In quell’occasione saltò sulle poltrone del teatro e corse ad abbracciare la connazionale Sophia Loren che ne aveva appena annunciato la vittoria.

Il momento più malinconico riguarda sicuramente l’Oscar postumo ad Heath Ledger, assegnato dopo la morte di quest’ultimo, per l’interpretazione ne “Il cavaliere oscuro”.

Chissà cosa accadrà quest’anno? La notte del cinema ci regalerà ancora momenti emozionanti? Non ci resta che attendere il 28 marzo.

 

Sharing is caring!