Gli animali selvatici sfruttati per gli spettacoli circensi

Attualità L'opinione

Sono ormai anni che gli animali, per lo più di origine selvatica, vengono utilizzati con il solo scopo di intrattenimento. Studi recenti hanno dimostrato che l’utilizzo degli animali nei circhi, può compromettere, anche gravemente, il benessere, la salute e la sicurezza degli animali e degli umani.
Veterinari, Psicologi, Etologi in Europa e nel Mondo stanno chiedendo ai Governi di mettere uno STOP ai circhi con animali.

Nell’agosto 2015 la Federazione dei Veterinari di Europa  ha sottolineato che: “l’uso di mammiferi esotici, specialmente elefanti e grandi felini (leoni e tigri), nei circhi, riflette una visione obsoleta degli animali selvatici. Questi animali hanno lo stesso patrimonio genetico dei loro simili che vivono in natura, e mantengono perciò gli stessi comportamenti istintivi e bisogni naturali”.

I paesi dell’UE e le sue città prendono posizione.

Madrid e Bucarest hanno deciso di vietare l’uso di animali selvatici negli spettacoli circensi. Lo scopo è quello di salvaguardare gli animali rispetto alle molte ore di sofferenza a cui vengono sottoposti, fra addestramento ed esibizioni. Il divieto si estende ad ogni tipo di rappresentazione con animali, sia in suolo pubblico che in terreni di proprietà privata. Nella motivazione della proposta si legge: “Gli elefanti, le tigri ed altre specie utilizzate negli spettacoli non devono essere maltrattati, sottoposti a sforzi o ad azioni crudeli che provochino loro sofferenza, ansia e stress”.

Anche la Francia prende posizione. Il parlamento francese infatti ha approvato in via definitiva una serie di misure a favore dei diritti degli animali, tra cui il divieto di utilizzare animali selvatici negli spettacoli. Il divieto entrerà in vigore tra due anni, mentre dal 2028 sarà proibito a chiunque possedere animali selvatici. Verranno vietati anche gli spettacoli con delfini nei parchi acquatici e aumenterà anche la pena massima per maltrattamento fino a cinque anni di carcere.

Speriamo che questo sia solo un piccolo passo verso un mondo migliore.

Sharing is caring!