Socializzando tra i Sassi alla riscoperta del passato e della propria identità culturale

Dalla scuola

Lo Julia sperimenta nuovi percorsi didattici di trekking urbano grazie ai Patti Educativi di Comunità

“La socializzazione tra i Sassi”, questa la frase che racchiude in sé il senso dell’uscita didattica che il Liceo Julia ha effettuato a Matera lo scorso 12 ottobre. I partecipanti sono stati 40 alunni di varie classi nell’ambito del Progetto “Patti educativi di Comunità”, accompagnati dai docenti Mariangela De Tommaso e Bruno Tarantino. Il progetto “Lo Sport come spinta motivazionale alla vita” si sviluppa grazie ai Patti Educativi di Comunità siglati tra il Liceo Julia e il Comune di Acri e prevede tutta una serie di attività motorie e sportive all’insegna della conoscenza di se stessi e degli altri, in vista della formazione di una personalità equilibrata e motivata alla vita. Quella dei Sassi è stata la prima tappa di questo percorso formativo e ha costituito un’esperienza diversa, “sul campo”, alla scoperta del diverso, dell’insolito,  parte delle nostre radici e della nostra cultura. L’itinerario si è snodato lungo tutto il centro storico, come un trekking didattico-culturale che ha permesso di scoprire questa città unica nel suo genere, patrimonio mondiale dell’umanità, una città di confine, di contrasti tra paesaggi, civiltà, culture diverse. Dalla civiltà rupestre a quelle di matrice bizantina ed orientale, all’avvento dei Normanni, dal romanico, al rinascimento, al barocco, gli studenti hanno apprezzato l’evolversi urbanistico e architettonico, che comunque si connota fortemente con l’identità dell’habitat rupestre, con quell’architettura irripetibile dei Sassi che dimostra la capacità dell’uomo di adattarsi perfettamente all’ambiente e al contesto naturale, seppur aspro e inospitale. Un luogo unico e magico che ha offerto ai ragazzi e ai loro accompagnatori numerosi momenti di riflessione, crescita e cittadinanza. Il rientro a casa ha lasciato in tutti i partecipanti, sicuramente la stanchezza per il lungo cammino, ma anche un grande senso di appagamento culturale.

Sharing is caring!